venerdì 11 novembre 2016

Un Nes Mini è per sempre

Il Nes Mini in tutto il suo splendore


Da stasera abbiamo una new entry in casa HellCiccio!

Non abbiamo saputo resistere alla tentazione e io e la mia Laura ci siamo fatti il regalo di Natale in anticipo, prendendo un Nintendo Nes Mini, appena arrivato nei negozi per celebrare la leggendaria console a 8 bit della casa di Kyoto.


Questa console rappresenta tantissimo a livello affettivo, soprattutto per Laura, che è cresciuta a suon di Dr. Mario e, soprattutto, Super Mario Bros 2.

Quindi è stata un'occasione ghiottissima per portare a casa ben 30 classici dell'epoca 8 bit, giocabili comodamente sul televisore del salotto grazie al collegamento HDMI.

Molti puristi hanno storto il naso davanti a questa riedizione in miniatura proposta da Nintendo e, in effetti, la mancata possibilità di espandere il parco titoli, l'assenza dell'alimentatore (anche se va benissimo uno qualsiasi con presa USB di quelli che si usano come caricabatterie per telefoni e tablet) e la lunghezza davvero ridotta dei cavi dei pad rappresentano i punti deboli di questo prodotto, però devo dire che per noi si tratta comunque di una bella occasione per scoprire o riscoprire dei classici che sarebbe difficile e dispendioso recuperare, specie per chi magari vuole approcciarsi per la prima volta al retrogaming

Penny ha deciso di darci una mano
Quindi, una volta portata a casa console e pad supplementare, con l'aiuto di Penny, abbiamo subito collegato il Nes Mini al TV del salotto e siamo stati letteralmente sbalzati indietro nel tempo.

Abbiamo provato un doppio a Super Contra, che mi ha riportato alla mente le lunghe passeggiate con mio nonno, da bambino, quando mi portava alla sala giochi accanto alla società operaia che frequentava con gli amici. In quella sala conobbi Contra e fu amore a primo gettone!

Poi Laura ha dato prova della sua maestria con Super Mario Bros 2, per poi massacrarmi allegramente a Dr. Mario, dove mi sono dimostrato una pippa leggendaria, mentre Laura superava i quadri praticamente a occhi chiusi.

Dopo una cooperativa veloce a Bubble Bobble e a Double Dragon 2, che Laura conosceva solo di fama, è giunto il momento del bagnetto per la nostra gnometta e quindi, prima di terminare la sessione, ho potuto giocarmi i primi 4 stage di Castlevania...
Mini di nome e di fatto!

Che dire?

Se amate Nintendo e siete legati affettivamente all'epoca 8 bit, questo Nintendo Mini potrebbe essere un bel regalo natalizio, carino da vedere e divertente da giocare, grazie anche alla possibilità di salvare la partita e riprenderla successivamente.

Di sicuro stasera, dopo aver messo Penny a nanna, un altro giro ce lo facciamo volentieri!


2 commenti:

Peppe Scaletta ha detto...

Dai ottimo! Mi sembra anche una scelta giusta per Penny, come prima console.

Marco Doria ha detto...

Vedessi come resta lì a guardare quelle cose colorate in movimento! :D :D :D