martedì 21 febbraio 2017

L'unione fa la forza

I Leoni di Rico!


Metti tre amici, una chat vocale su Discord e HELLDIVERS, ottimo twin stick shooter tattico e cooperativo degli Arrowhead, gli stessi autori di Magicka.
Atmosfera alla Starship Troopers, ironia tagliente con frecciatine evidenti ai più famosi esportatori di democrazia al mondo, livello di difficoltà bello tosto e un gruppo di amici, appunto, che fra una citazione e un momento di crimine, riesce a radunarsi, a giocare come avveniva raramente negli ultimi tempi.

E ancora una volta ti rendi conto di come, alla fine, la distanza fisica sia un problema alquanto relativo: l'amicizia trascende questo dettaglio e si creano legami e rapporti che perdurano al di là di quelle ore di cazzeggio digitale.

Da un po' di tempo, il mitico Dott_Stilo, la new entry MetalBerserker e io ci dilettiamo a giocare insieme a titoli cooperativi, alla sera per rilassare un po' la mente e dimenticare per un paio d'ore le preoccupazioni, le incombenze e tutto quello che, giustamente, ci distoglie dal nostro bambino interiore per affrontare il mondo degli adulti e uscirne in qualche modo indenni.
Dopo aver terminato la campagna di Alien Swarm, un gioco free to play disponibile su Steam (se non lo conoscete, provatelo che è davvero ben fatto!) siamo passati, appunto a questo HELLDIVERS, il cui scopo è conquistare tre razze aliene, esportare la democrazia nella galassia e difendere la Super Terra dalle minacce dei mondi esterni, sempre pronti a minacciare la nostra libertà (vi suona familiare?).

Fonte: sito ufficiale Arrowhead
Inutile dire che il gioco è dannatamente divertente e regala momenti epici, grazie a un sistema di
missioni dalla difficoltà crescente e una campagna globale, a cui contribuiscono i team di tutto il mondo con i propri progressi (la conquista di pianeti determina un punteggio che viene sommato a livello globale per stabilire la vittoria della fazione Terrestre o Aliena, in estrema sintesi), ma il bello è proprio passare quelle ore in compagnia di amici "virtuali" ma che di virtuale hanno poco e niente (Dott è stato al mio matrimonio, Berserk vive nel mio paese e tempo fa abbiamo suonato nella stessa band), un po' come succedeva qualche anno fa con Left 4 Dead, il buon Max_Power (al momento dislocato in quel della Cina per lavoro) e la mia Laura.


Il TeamStronzi in tutto il suo splendore

Più volte ho riflettuto di quanto Internet a volte unisca più che isolare (a patto che se ne faccia un uso intelli.gente) e devo dire che ancora una volta questo mi viene confermato, persone che per anni si sono trovate a discutere davanti a un monitor che poi riescono comunque ad andare oltre, a vedersi o magari solo a telefonarsi, dando vita a delle vere e proprie amicizie, come quella che lega noi del team dei BattleStronzi, da anni insieme a dar battaglia su Battlefield Bad Company 2, Left 4 Dead e oggi su HELLDIVERS.


È bello sapere che là fuori hai degli amici, dei compagni d'armi e d'avventura pronti a darti una mano, a raggiungere l'obiettivo, a ottenere la vittoria, ma anche ad ascoltarti, a sostenerti e a condividere con te il proprio tempo.

In momenti come questo, quando tutti i tuoi amici di infanzia hanno lasciato il paese e tu resti, resisti e persisti, ma senti la mancanza delle uscite, delle serate un po' più spensierate, sapere che puoi sederti al tuo PC, mettere le cuffie e per un attimo non sentire più la distanza, condividere momenti epici e divertenti, ma anche scambiare quatto chiacchiere in tranquillità, ti fa sentire meno solo.

E tutto merito di Internet e dei videogiochi. Strano no?




1 commento:

MetalBerserker ha detto...

Articolo grandioso :)